Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Continua
ita
Area login
Immagine principale di Valerio Mastandrea su La linea verticale in onda su Rai3

Valerio Mastandrea su La linea verticale in onda su Rai3

Giovedì 04 Gennaio 2018 20:17

Dalla sua personale esperienza ospedaliera, vissuta in un reparto oncologico dell'ospedale Regina Elena di Roma, è nata la voglia di raccontare tutto in un libro, "La linea verticale" (Baldini & Castoldi), da cui è stata tratta l'omonima serie tv

La serie in otto episodi da 25’ andrà in onda dal 6 gennaio su RaiPlay e in quattro prime serate dal 13 gennaio su Rai 3. Una coproduzione Rai Fiction – Wildside.

con Valerio Mastandrea, Greta Scarano, Babak Karimi, Giorgio Tirabassi, Paolo Calabresi, Ninni Bruschetta, Antonio Catania, Cristina Pellegrino, Alvia Reale, Gianfelice Imparato, Federico Pacifici e Elia Schilton.

Un dramedy che racconta, in tono ironico, commovente e talvolta surreale, la vita quotidiana del reparto di urologia oncologica di un ospedale italiano attraverso il punto di vista dei pazienti. Una fiction che parla di malattie in modo non retorico.

Luigi (Valerio Mastandrea) è un quarantenne che scopre di avere un tumore al rene a causa del quale deve sottoporsi a un delicato intervento chirurgico. Compagni di avventura di Luigi sono soprattutto i pazienti: un somalo assolutista, un ristoratore che sa tutto di medicina, un prete in crisi, un intellettuale taciturno e uno stuolo di anziani cattivi perché in cattività.

E poi c'è il personale del reparto: dal prof. Zamagna (Elia Schilton), chirurgo di fama internazionale e genio assoluto, fino ai vari addetti che convivono giorno dopo giorno in questo microcosmo fuori dal mondo che ha regole e gerarchie proprie. Un luogo in cui tutti sono operativi, tutti in lotta, ognuno con i propri mezzi: i medici e gli infermieri per curare i pazienti, i pazienti per guarire e per vivere la vita, verticalmente. Perché la linea verticale implica di stare in piedi e in vita: verticale è la rabbia, verticale è la speranza.

La linea verticale è anche un libro, pubblicato da Baldini & Castoldi scritto da Mattia Torre

Hashtag #LineaVerticale

Foto