Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Continua
ita
Area login
Immagine principale di Tutto può succedere: secondo round, su Rai1

Tutto può succedere: secondo round, su Rai1

Martedì 15 Marzo 2016 12:34

E' proprio vero che tutto può accadere: più il tempo di dirlo, che di farlo. La seconda serie della fiction di Rai 1 sarà diretta da Lucio Pellegrini, per una produzione Rai Fiction- Cattleya.

dalla Redazione

"Dammi solo un minuto, un soffio di fiato, un attimo ancora" cantavano i Pooh. Ed è così anche per “Tutto Può Succedere”: a meno di una settimana dall'epilogo della prima stagione, nel quartiere Rai, si moltiplicano i rumours sulla seconda stagione. Nulla di certo, beninteso, fino a quando Tinni Andreatta, direttore di Rai Fiction, comunicherà, a Riccardo Tozzi di Cattleya, la volontà dell'azienda di servizio pubblico di andare avanti con questo esperimento. L'augurio è che Ettore (Giorgio Colangeli), Sara (Maya Sansa), Alessandro (Pietro Sermonti), Carlo (Alessandro Tiberi) e Giulia (Ana Caterina Morariu) tornino presto sullo schermo: la speranza degli ‘affictionati’ alla serie sembra prendere comunque quota, viste le intenzioni della produzione.

Se è vero, inoltre, che ogni promessa è debito, bisogna ammettere che la mancanza non ha neanche avuto il tempo di farsi sentire: Tinni Andreatta dice una cosa e la fà. Le sue parole sul ritorno delle fiction più amate, con protagonista la famiglia, a inizio febbraio 2016, sono state profetiche.

Ed ora, eccoci qui, a pochi giorni dalla fine del primo capitolo, ad annunciare il sequel firmato dal regista Lucio Pellegrini. Rai fiction e Cattleya, di Riccardo Tozzi, Marco Chimenz e Francesca Longardi, hanno custodito un progetto molto ambizioso, consistente nella produzione di ben tre cicli di riprese. A onor del vero, però, gli ascolti sono leggermente calati (come accaduto per altri format, durante l’autunno), ecco perché, al momento, si predilige una partenza 'moderata', ben distante dalla programmazione delle sei stagioni di “Parenthood”, messe in onda negli Stati Uniti.

Link alla locandina della prima stagione con cast & crew completo Clicca

Foto