Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Continua
ita
Area login
Immagine principale di Suburra: Blood on Rome al via su Netflix

Suburra: Blood on Rome al via su Netflix

Giovedì 05 Ottobre 2017 09:53

Suburra - La serie, primo prodotto interamente italiano targato Netflix, disponibile sulla piattaforma a partire dal 6 ottobre. Attesi sono 100 milioni di abbonati davanti allo schermo sparsi in 190 Paesi. Dietro la macchina da presa Michele Placido,

Suburra: Blood on Rome, titolo originale, è il prequel dell'omonimo film del 2015 diretto da Stefano Sollima ed ispirato all'omonimo romanzo di Giancarlo De Cataldo e Carlo Bonini. 'Suburra, la serie', è la prima serie tv originale Netflix italiana, prodotta da Cattleya con la coproduzione della Rai.

La prima stagione, composta da 10 episodi, sarà distribuita da Netflix dal 6 ottobre 2017 e disponibile subito in oltre 100 paesi; I primi due episodi della serie sono presentati in anteprima alla 74ª Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia.

Suburra è un crime thriller ambientato a Roma, che descrive come la Chiesa, lo Stato e la criminalità organizzata si scontrano, confondendo i limiti della legalità e dell’illecito nella loro feroce ricerca del potere.

Al centro della storia troviamo tre giovani uomini: Numero 8 (Alessandro Borghi), Spadino (Giacomo Ferrara) e Lele (Eduardo Valdarnini), diversi per origine, ambizioni e passioni, che saranno chiamati a fare alleanze per realizzare i loro più profondi desideri; nel cast anche Claudia Gerini, che debutta in una fiction televisiva, nel ruolo di Sara Monaschi, una donna al potere e di potere che tiene in pugno la Chiesa e sa bene come gestire tutto questo con quel filo di paura che la rende davvero reale.

Nel 2008, criminalità organizzata, politici corrotti e Vaticano sono protagonisti di una sanguinosa lotta per il controllo di importanti terreni del litorale romano.

La Urbe per antonomasia è il perno di questa prima stagione di Suburra: la Mafia vuole entrare a Roma, aiutata da Samurai, un ex membro della Banda della Magliana che userà Ostia, città situata sul litorale romano, come cancello principale. Nel conflitto entrano due famiglie: gli Adami (a capo della zona di Ostia) contro gli Anacleti, e contro i rom e gli zingari che vogliono espandersi e ottenere più potere sulla Capitale.

Una curiosità, il brano "7 vizi Capitale" di Piotta è stato scelto come sigla internazionale della serie Netflix.

Hashtag #SuburraLaSerie

Foto