Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Continua
ita
Area login
Immagine principale di ​Rosy Abate e Immaturi: rinvio ad autunno 2017

​Rosy Abate e Immaturi: rinvio ad autunno 2017

Giovedì 06 Aprile 2017 15:35

Le fiction di Canale 5 "Rosy Abate" e “Immaturi”, inizialmente programmate per questa primavera, sono sembrano essere rinviate alla prossima stagione autunnale.

Le prossime due serie spin-off di Canale 5 saranno: "Rosy Abate" ed "Immaturi".

La prima consiste nella saga di “Squadra Antimafia, prodotta da Taodue Film di Pietro Valsecchi- Camilla Nesbitt; la seconda nasce dai successi cinematografici di Paolo Genovesi “Immaturi”, prodotti da Lotus Production di Marco Belardi, hanno subito l’ennesimo rinvio alla messa in onda.

Altre fiction prodotte da Mediaset annunciate, per questa primavera, ancora non compaiono nel palinsesto di Canale 5, sono: “Squadra mobile 2 - Operazione Mafia Capitale”, “Furore il vento della speranza” e “Sacrificio d'amore”.

I motivi dei rinvii sono da attribuire agli insuccessi delle fiction inedite di Canale 5. Un po’ meglio è andata ai sequel; ma, il duplicarsi degli episodi della soap “Il Segreto” dal pomeriggio al primetime, con la conseguenza di creare un target delimitato, ha allontanato il pubblico nei secoli fedele alla rete del Biscione. E’ inspiegabile, del resto, come gli stessi attori e autori delle fiction, che raccolgono successi su Rai 1, quando lavorano per Canale 5, vedano lo share dei loro titoli scivolare al 10%.

Anche la nomina, negli ultimi mesi, dello sceneggiatore Daniele Cesarano, alla direzione di Fiction Mediaset, è determinata dalla volontà dell’azienda di Cologno Monzese di rilanciare la fiction italiana. Va ricordato, comunque, che, negli anni passati, questa aveva dato tante soddisfazioni, a Mediaset, in termini di ascolti e d’immagine.

Tanto per citare le più famose: “Distretto di polizia” e Squadra Antimafia” prodotti da Taodue, “I Cesaroni” da Publispei, “Le tre rose di Eva” targata Endemol, “Le ali della vita” della Rizzoli, “Elisa di Rivombrosa”; i melò realizzati da Ares hanno fatto ascolti record con picchi di 10 milioni.

Oltre i 10 milioni di spettatori, invece, erano stati raggiunti da Canale 5 nelle miniserie, formato che Mediaset aveva poi abbandonato, con: “Karol un uomo diventato Papa”, “Padre Pio”, Il Papa buono” e Paolo Borsellino”.

Foto