Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Continua
ita
Area login
Immagine principale di I “Barbudos” entrano nella saga di “Gomorra”

I “Barbudos” entrano nella saga di “Gomorra”

Venerdì 25 Agosto 2017 18:57

Le puntate iniziali della terza stagione di Gomorra in anteprima al cinema. Nella storia della fiction Sky entra la malavita partenopea dei Barbudos

I “Barbudos” entrano nella saga di “Gomorra”

In questi giorni sono uscite alcune indiscrezioni sulla terza stagione di "Gomorra", in onda sulla pay di Sky da novembre; Andrea Scrosati, Executive Vice President Programming di Sky Italia e presidente di Vision Distribution, ha dichiarato al sito E-duesse che le prime puntate della terza stagione della serie Gomorra saranno proiettate anche al cinema. «Per la prima volta in assoluto - ha spiegato Scrosati - una serie Tv andrà in anteprima al cinema. Le prime puntate saranno in sala il martedì e mercoledì della stessa settimana in cui, poi, andranno in onda su Sky Atlantic Hd. Al momento abbiamo l'impressione che le sale saranno tante. Crediamo che Gomorra abbia una sua forza e che i veri appassionati vorranno vederla sul grande schermo, vivendo un altro tipo di esperienza». Ha continuato il manager: «Bisogna rivalutare l'esperienza della sala, che è diversa da quella del salotto di casa propria. Vedere Gomorra sul grande schermo è un valore aggiunto». La terza stagione, che vede come registi Francesca Comencini e Claudio Cupellini sarà in onda a partire da novembre. La serie è una produzione Sky Atlantic, Cattleya, Fandango con Beta Film.

Intanto, su Il Messaggero la giornalista Gloria Satta ha scritto che in occasione della Mostra del Cinema di Venezia sarà proiettato il film "Gomorra VR – We own the Street" della durata di quindici minuti diretto da Enrico Rosati, interamente girato con la tecnica della realtà virtuale,

“Volare” al di sopra delle Vele di Scampia. Planare sui tetti dell’insediamento napoletano ad alta densità criminale per assistere da vicino all’ultima intimidazione: due membri della nuova banda emergente, sbarcata dal centro città e decisa a rottamare i “vecchi”, mentre puntano la pistola alla testa di un esponente del clan rivale. Partecipare agli inseguimenti in moto, guardandosi alle spalle. Penetrare nei vecchi magazzini abbandonati dove Capaebomba e Carmaniello tentano di sfuggire ai nemici nascondendosi dietro gli imballi di cartone, incontrare faccia a faccia Genny, Malamò, ‘O Puledro, ‘A Lince, ‘A Zeppola, perlustrare palmo a palmo i luoghi più sordidi e pericolosi, avvertire l’adrenalina dei personaggi.

Nella storia entra la malavita partenopea dei Barbudos, un clan che non è frutto della fantasia di un romanziere, ma una giovane e sempre più aggressiva organizzazione malavitosa dedita al traffico della droga, cresciuta nell’hinterland partenopeo; come ha affermato il diretto delle produzioni originali di Sky Italia Nils Hartmann «Fatti nemmeno tanto lontani - come le vicende legate ai Barbudos, i clan più giovani del centro storico del capoluogo campano. È qui che la storia si ricongiunge con Genny e Ciro, che sono sempre stati un po’ periferici rispetto alla città, e con le vicende che ruotano attorno ai nuovi personaggi».

Appena un anno fa il cronista Antonio Pitoni, su La Stampa, aveva descritto il clan dei Barbudos «Barba lunga e folta stile miliziani dell’Isis, oltre al corpo ricoperto di tatuaggi tra cui spicca l’acronimo Acab, eloquente accusa alle forze dell’ordine: All Cops are Bastards, tradotto alla lettera tutti i poliziotti sono bastardi». L’articolo completo clicca

Intanto, cresce l’attesa per Gomorra 3. La nuova stagione, 12 episodi sceneggiati da Leonardo Fasoli, Maddalena Ravagli, Ludovica Rampoldi. La lotta per il potere, fino a ieri confinata a Scampia e Secondigliano, si allargherà a macchia d’olio. Ciro ha avuto la sua vendetta, ma la sua famiglia è distrutta. Genny sembra aver vinto la sua partita ma deve ancora capire come gestire il doppio impero di Roma e Napoli Nord. Scianèl ha perso un figlio, Patrizia un compagno ed entrambe si dibattono nell'incertezza. Ai protagonisti di sempre Marco D’Amore, Salvatore Esposito, Cristina Donadio, Cristiana Dell’Anna, Gianfranco Gallo, Fabio De Caro, Ivana Lotito si aggiungono Arturo Muselli nel ruolo di Enzo, capo di una nuova fazione criminale, e Loris De Luna che interpreta Valerio, un ragazzo della Napoli bene deciso a entrare nella partita.

Foto