Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Continua
ita
Area login
Immagine principale di 100 Autori e WGI contro la Direttiva UE sul Copyright,

100 Autori e WGI contro la Direttiva UE sul Copyright,

Mercoledì 04 Luglio 2018 06:59

100Autori e Writers Guild Italia, contrari ad ogni forma di censura o limitazione della circolazione di notizie e contenuti, si schiera a favore dell'approvazione della proposta di direttiva europea sul Copyright

Il 5 luglio il Parlamento Europeo dovrà esprimersi sulla regolamentazione del Diritto d’Autore nel mercato unico digitale,

WGI (Writers Guild Italia), sindacato degli sceneggiatori italiani,si unisce all’appello che 100 autoriha rivolto ai Parlamentari europeiinvitandoli a votare a favore dell’approvazione della proposta alla direttiva sul Copyright e al Governo Italiano perché sostenga questa sacrosanta battaglia.

Dopo un lungo lavoro con i gruppi parlamentari di tutti i Paesi membri, la Commissione Affari Legali del Parlamento Europeo ha deliberato l’impianto legislativo, frutto di inevitabili compromessi,che proporrà al Parlamento riunito in seduta plenaria.

L’impianto legislativo presentatoregolamenta per legge il Copyright esancisce il diritto degli Autori di contenuti audiovisivi a una giusta remunerazione attraverso la ripartizione dei proventi derivati dallo sfruttamento delle loro opere. ((articoli 13, 14a, 15, 16 e 16a).

Inoltre, impone l’obbligo ai broadcaster e alle piattaforme digitali di comunicare la trasmissione e lo sfruttamento delle opere ai titolari legali dei diritti d’autore .

Le ultimi leggi a salvaguardia del copyright risalgono a 17 anni fa enel frattempo il mercato ha subito enormi cambiamenti. Non esistono norme europee condivise tra tutti gli stati membrie le opere possono essere diffuse da chiunque senza alcun obbligo o sanzione.

I proventi che derivano dal lavoro di creazione degli autori vanno attualmente ad esclusivo beneficio dei colossi di Internet (Facebook, Amazon, Google e Apple).

Al nuovo governo italiano, facciamo presente che se regolamentati e ripartiti con chi ne detiene legalmente i diritti, tali proventi possono creare occupazione e ricchezza nel nostro Paese .


Comunicati stampa 100Autori

03 Luglio 2018

100autori, contraria ad ogni forma di censura o limitazione della circolazione di notizie e contenuti, si schiera a favore dell'approvazione della proposta di direttiva europea sul Copyright

100autori, la più rappresentativa associazione dell’autorialità audiovisiva, invita tutti i Parlamentari europei a votare il prossimo 5 luglio a favore dell’approvazione della proposta di direttiva sul Copyright e si rivolge al Governo Italiano perché sostenga questa giusta battaglia nell’interesse nazionale.

Il 5 luglio prossimo il Parlamento Europeo sarà chiamato, infatti, ad esprimersi sulla regolamentazione del Diritto d’Autore nel mercato unico digitale.

La Commissione Affari Legali del Parlamento Europeo ha a lungo lavorato con i gruppi parlamentari di tutti i paesi membri e deliberato l’impianto legislativo che proporrà al Parlamento riunito in seduta plenaria.

Tale impianto, seppur frutto di inevitabili compromessi, per la prima volta nella storia dell’Unione Europea, regolamenta per legge il Copyright e sancisce, con gli articoli 13, 14a, 15, 16 e 16a, il diritto degli Autori di contenuti audiovisivi a una giusta remunerazione attraverso la ripartizione dei proventi derivati dallo sfruttamento delle loro opere, oltre ad imporre l’obbligo di comunicazione da parte di broadcaster e delle piattaforme digitali della trasmissione e dello sfruttamento delle opere ai titolari legali dei diritti d’autore ("triangolo della trasparenza").

Allo stato attuale non esistono norme europee condivise tra tutti gli Stati membri a tutela del Copyright e le opere possono essere diffuse da chiunque senza alcun obbligo o sanzione, consentendo agli Over-The-Top (OTT), ossia alle imprese che forniscono, attraverso la rete Internet, servizi, contenuti (soprattutto video) e applicazioni, di ottenere ricavi multimilionari, senza i dovuti riconoscimenti agli autori di tali opere.

I proventi generati dal settore audiovisivo, grazie al fondamentale lavoro di creazione degli autori, vanno attualmente ad esclusivo beneficio dei colossi di Internet, i cosiddetti FAGA (Facebook, Amazon, Google e Apple), e non solo.

Tali proventi, se correttamente regolamentati e ripartiti con chi ne detiene legalmente i diritti, possono invece contribuire al miglioramento del PIL, creare più occupazione e ricchezza, sostenere il welfare di categorie artistiche scarsamente tutelate, contribuire alla conoscenza e alla produzione culturale, salvaguardando la libertà di espressione degli autori, il linguaggio e la forza di ciascun Paese Europeo.

Foto