Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Continua
ita
Area login
Immagine principale di La mafia uccide solo d'estate 2016

La mafia uccide solo d'estate

In onda dal: 21-11-2016
al: 20-12-2016
Numero serate: 6
Rete: Rai 1
Fascia oraria: Prime Time
Genere: commedia

Tag:

serie tv

drammatico

6x100'

commedia

mafioso

Sinossi

La mafia uccide solo d’estate”, il film del 2013, diretto da Pif (Pierfrancesco Diliberto), prodotto da Wildside, insieme a Rai Cinema, diviene serie televisiva su Rai1.

La storia è imperniata su fatti realmente accaduti in Italia negli anni che vanno dal 1970, al 1992, che segna la tragica sorte dei magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, trucidati dalla mafia insieme agi uomini della loro scorta.

Arturo (Eduardo Buscetta) è un bambino siciliano degli anni ’70. Cresce in una famiglia umile, ma molto unita con suo padre Lorenzo (Claudio Gioè), sua madre Pia (Anna Foglietta), e sua sorella maggiore Angela (Angela Curri). Arturo è tranquillo, dolce e anche un po’ ingenuo, e quando la vita di Palermo viene sconvolta da una serie di sanguinosi delitti di mafia, non riesce a capire che cosa sta succedendo.

Fa domande ai suoi genitori che però cercano di non impaurirlo ed attenuano la realtà dei fatti di sangue, rimanendo un po’ evasivi. E di certo non lo aiuta a fare chiarezza fra Giacinto (Nino Frassica), il religioso che è un punto di riferimento per i credenti del suo quartiere: fra Giacinto, infatti, tende ad assolvere i mafiosi e dice ai bambini che sono brave persone. E non è utile nemmeno Massimo (Francesco Scianna), lo zio materno di Arturo, che è convinto che nella vita vadano avanti solamente i furbi e che dunque bisogna sottostare a qualunque compromesso. Intanto, però, con il passare degli anni Arturo continua ad assistere agli attentati di mafia: conosce casualmente personaggi importanti della Palermo di quel periodo, come il coraggioso commissario capo della squadra mobile Boris Giuliano (Nicola Rignanese), che perde la vita sotto i suoi occhi. Ma, con il passare del tempo, l’innocenza e l’ingenuità nel su cuore si trasformano in consapevolezza e disincanto.

La serie consta di sei puntate, cooprodotta da Rai Fiction e Wildside, la regia è di Luca Ribuoli, per un soggetto di serie scritto da Pif, Michele Astori, Stefano Bises e Michele Pellegrini.

Cast & Crew