Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Continua
ita
Area login
Immagine principale di La concessione del telefono - C'era una volta Vigata 2020

La concessione del telefono - C'era una volta Vigata

In onda dal: 23-3-2020
al: 23-3-2020
Numero serate: 1
Rete: Rai 1
Genere: drammatico

Tag:

1X100'

MAFIOSO

CAMILLERI

THRILLER

Sinossi

La trama di La concessione del telefono - C'era una volta Vigata (2020). Ambientato verso la fine del 1800, racconta la storia di un commerciante di legnami di Vigata di nome Pippo Genuardi. Pippo ha una propensione a cacciarsi nei guai; dopo essersi sposato sembra aver cambiato registro, ma Pippo non si accontenta mai e si ritrova in una situazione allucinante. Da una parte lo Stato che lo crede un sovversivo, dall'altra Don Lollò convinto che Pippo lo voglia truffare.

La storia fa parte di un ciclo evento, la collection di "C'era una volta Vigata", firmata da Andrea Camilleri. Tratto dal romanzo omonimo il film è incentrato sulla figura di Pippo Genuardi, nato a Vigàta il 3 settembre 1856 e commerciante di legnami. Tuttavia Pippo ha un vero e proprio talento per cacciarsi nei guai. E' uno spiantato amante delle donne, un tipo ironico che combina sempre guai e ha uno spiccato amore per la tecnologia. Dopo aver sposato Taninè Schilirò - figlia dell'uomo più facoltoso di Vigata - Pippo sembra finalmente aver messo la testa a posto.

Ovviamente non è così e si ritrova nuovamente in un mare di guai. Dopo aver spedito tre lettere al Prefetto Marascianno, un napoletano dall'indole paranoica e amante dei complotti,, Pippo mette in moto una serie di event che lo porteranno a trovarsi nel bel mezzo di due fuochi incrociati. Da una parte c'è lo Stato, convinto di avere a che fare con un ribelle sovversivo. Dall'altra Don Lollò, l'uomo "di rispetto" del paese, convinto che Pippo lo stia facendo fesso in qualche modo. A tenere d'occhio tutta questa situazione c'è il Quetore Monterchi, uno del nord Italia, che osserva con sgomento e impotenza il folle concatenarsi degli eventi.

Cast & Crew

Foto